addetto alla logistica



Panoramica
Formazione e Carriera
Mercato



Panoramica

L’Addetto alla logistica gestisce operativamente i processi riguardanti il movimento delle merci da e verso il magazzino, a partire dalle fonti di approvvigionamento fino agli utilizzatori finali.

La logistica è una funzione nata alla fine degli anni settanta all’interno dell’organizzazione aziendale, che può essere definita come “l’insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell’azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni, dalle origini presso i fornitori fino alla consegna dei prodotti finiti ai clienti e al servizio post-vendita” .

I principali benefici prodotti dalla logistica sono:

  • la riduzione dei costi, in quanto abbattendo le scorte, crea efficienza nei magazzini e riduce il numero dei depositi;
  • l’orientamento al ‘servizio’, rendendolo un vero e proprio fattore competitivo.

Le principali attività dell’Addetto alla logistica sono:

  • la gestione degli ordini e il controllo dei relativi documenti di trasporto (bolle di accompagnamento, fatture, note di accredito);
  • la registrazione della quantità e del valore delle merci in ingresso ed in uscita;
  • la preparazione delle liste di carico (merce pronta a partire);
  • la gestione dei reclami, dei resi e di tutti i movimenti della merce, non accompagnati da procedure standard;
  • la gestione del rapporto giornaliero con i partner logistici;
  • l’esecuzione dell’inventario e il monitoraggio delle giacenze di magazzino.

Competenze

Le competenze dell’Addetto alla logistica si riferiscono, sostanzialmente, alla conoscenza di:

  • procedure logistiche relative all’organizzazione delle spedizioni, alla gestione delle scorte, alla preparazione dell’ordine (picking) e alle modalità di consegna;
  • procedure amministrative, fiscali e doganali relative alle spedizioni nazionali ed internazionali;
  • norme di prevenzione degli infortuni e dispositivi di sicurezza da utilizzare;
  • attrezzature e mezzi per la movimentazione di materiali, materie prime e semilavorati;
  • flussi informativi che accompagnano la movimentazione di materiali, materie prime e semilavorati.

Un altro requisito necessario a questa figura è costituito dalla capacità di utilizzare software di ufficio e software gestionali, di supporto alle attività di organizzazione delle spedizioni e di gestione del magazzino.

L’Addetto alla logistica deve anche sapere, almeno in maniera elementare, una lingua straniera. Questa figura deve infine avere predisposizione al lavoro di gruppo e alla collaborazione con gli altri settori aziendali, senza dimenticare una buone dose di capacità organizzative del lavoro d’ufficio.

Formazione e Carriera

Formazione

Il titolo di studio più richiesto è un diploma di scuola secondaria superiore ad indirizzo tecnico-scientifico, integrato da una formazione più professionalizzante, come quella proposta ad esempio dall’AILOG (Associazione Italiana di Logistica). In generale, l’obiettivo dei corsi di specializzazione è quello di formare una figura qualificata e aggiornata, che interpreti il proprio ruolo adeguandosi alle mutate condizioni di mercato nelle quali le aziende si trovano oggi ad operare.

Carriera

Di solito nell’ambito della logistica è più frequente una mobilità di tipo trasversale che, in genere, si indirizza soprattutto verso il settore acquisti o quello della programmazione. Col tempo ed una formazione adeguata, come ad esempio una laurea triennale in ingegneria logistica (vai sul sito http://offf.miur.it) e della produzione, si può diventare Responsabili della logistica.

Mercato

Situazione di Lavoro

L’Addetto alla logistica, di solito, opera all’interno di imprese di grandi dimensioni, sia commerciali che manifatturiere. In particolare questa figura ha rapporti con gli Addetti alla gestione dei magazzini, con le direzioni vendite e acquisti (vedi Schede 5, 12 e 11 in Opuscolo C-8 “Commercio e distribuzione”), e, più in generale, con quasi tutti i settori dell’azienda. All’esterno dell’impresa è in contatto con i fornitori e con le società incaricate di curare la realizzazione pratica del trasporto, dello smistamento e dello stoccaggio delle merci, oltre che della progettazione e gestione dei sistemi informativi.

L’Addetto alla logistica dipende direttamente dal Responsabile della logistica, spesso chiamato a coordinare il gruppo di Addetti al magazzino (vedi sopra). Dal punto di vista contrattuale questa figura viene normalmente inquadrata al II livello, con una retribuzione base di circa 17 mila euro lordi annui.

Tendenze Occupazionali

L’Addetto alla logistica trova impiego soprattutto presso aziende commerciali o imprese della grande distribuzione. Con l’odierno sviluppo dell’e-commerce si stanno aprendo nuove possibilità di inserimento per questa figura professionale all’interno di società che svolgono attività commerciali sul web.

La professione è in prevalenza maschile poiché spesso, soprattutto nelle grandi imprese, l’area logistica è abbinata a quelle della produzione e del magazzino, le quali registrano - nella maggioranza dei casi - un’elevata percentuale di lavoratori uomini. Sotto questo aspetto, il quadro non sembra destinato a modificarsi nel breve-medio periodo.

Figure Professionali Prossime

Le figure più vicine all’Addetto alla logistica sono l’Addetto agli acquisti e il Magazziniere.