agente di commercio



Panoramica
Formazione e Carriera
Mercato



Panoramica

L’Agente di commercio è una figura di collegamento tra imprese e organizzazioni della distribuzione che promuove contratti di fornitura in zone determinate.

I principali compiti di questa figura prevedono:

  • visite presso i clienti con la presentazione delle merci e dei prodotti;
  • l’assistenza alla clientela e la consulenza sulle più idonee modalità di pagamento (leasing, rate, ecc.);
  • la predisposizione dei contratti, la registrazione degli ordini e la trasmissione di questi alla propria azienda;
  • l’eventuale riscossione dei pagamenti;
  • la valutazione dei reclami da parte dei clienti;
  • la raccolta di informazioni sul mercato della zona assegnatagli, utili a determinare le strategie commerciali della propria impresa;
  • la ricerca e l’acquisizione di nuovi clienti.

Competenze

Oltre alla perfetta conoscenza delle caratteristiche dei prodotti o dei servizi che vende, questa figura deve saper utilizzare le tecniche di comunicazione ed avere nozioni di marketing. L’Agente deve conoscere le norme che regolano il settore del commercio e, se si occupa di mercati internazionali, deve avere competenze sugli scambi commerciali oltre frontiera, sulla legislazione vigente nei paesi interessati ed in generale su ogni aspetto dell’import-export che lo riguarda. Infine, per svolgere correttamente i suoi compiti deve conoscere le strategie di Customer Service, e del software di CRM (Customer Relationship Management): un insieme di procedure organizzative creato per gestire le relazioni con il cliente e migliorare i rapporti con il fornitore.

L’Agente di commercio conosce almeno una lingua straniera e sa utilizzare gli strumenti informatici. Deve avere anche buone capacità comunicative e relazionali, intraprendenza, e possedere inoltre un’elevata autonomia gestionale ed organizzativa.

Formazione e Carriera

Formazione

Per poter svolgere questa professione non sono richiesti particolari titoli di studio sebbene sia apprezzato il possesso di un diploma di scuola secondaria o di una laurea in materie commerciali o giuridiche.

L’Agente è una figura iscritta ad un albo professionale istituito presso le Camere di commercio. Per l’iscrizione al ruolo, oltre ai consueti requisiti generali (maggiore età, cittadinanza dell’Unione Europea o permesso di soggiorno per i cittadini non UE, godimento dei diritti civili, assenza di fallimenti o condanne per reati particolari) è necessario aver frequentato con esito positivo uno specifico corso di formazione professionale istituito o riconosciuto dalle Regioni.

L’iscrizione al ruolo avviene senza l’obbligo di seguire il corso, ma semplicemente presentando una domanda, per:

  • i diplomati di istituti tecnici commerciali e di istituti professionali per il commercio;
  • i laureati in discipline economiche o giuridiche;
  • tutti quelli che abbiano lavorato come Viaggiatore piazzista o abbiano svolto mansioni di Addetto alle vendite in un’impresa al dettaglio per almeno due anni (anche non continuativamente), ma entro cinque anni dalla data di presentazione della domanda.

Un nuovo ‘must’ del mercato è la Certificazione di Qualità: percorsi di certificazione piuttosto severi rilasciano quest’attestato molto richiesto come garanzia sia per l’azienda che per i consumatori.

Carriera

La carriera dell’Agente di Commercio è commisurata al numero di clienti in agenda e all’ampiezza della zona da servire, che lo possono portare a ricoprire il ruolo di Capo Area .

Mercato

Situazione di Lavoro

L’Agente di commercio è un lavoratore autonomo che riceve dal suo datore di lavoro una parziale copertura fissa per la sua funzione. In genere il suo referente è un Capo area, da cui riceve indicazioni su ogni aspetto degli ordini, sugli sconti e sulle le politiche di promozione, avendo però totale autonomia nella gestione del proprio tempo di lavoro.

La remunerazione di questa figura varia ed è costituita da una quota fissa più le provvigioni (una percentuale sul totale dell’importo fatturato al cliente), che costituiscono il guadagno vero e proprio e il principale incentivo economico dell’Agente. Le provvigioni vengono definite nei contratti individuali stipulati con l’azienda in base all’esperienza e all’abilità dell’Agente. Il suo reddito può dunque variare da un minimo iniziale di 20/25 mila euro lordi annui fino a ben più di 50 mila euro per un professionista affermato.

Va però precisato che nella prima fase di attività (da uno a tre anni) i guadagni possono limitarsi ad un rimborso spese di soli 5-10 mila euro annui.

Tendenze Occupazionali

Gli Agenti di commercio in Italia sono più di 300 mila e sono una delle categorie professionali più richieste negli ultimi anni (oltre il 35% delle ricerche di nuovo personale è concentrato su questa figura). Nel breve periodo è previsto un incremento dell’ordine di alcune migliaia di posti di lavoro e le prospettive migliori sono attese per i liberi professionisti.

Gli uomini sono in netta prevalenza rispetto alle donne, che rappresentano solo il 20% del totale e sono concentrate in settori come quello dei cosmetici o della moda femminile.

Figure Professionali Prossime

Professioni vicine all’Agente sono il Procuratore di commercio, il Trader generale e l’Agente merceologico.