copywriter



Panoramica
Formazione e Carriera
Mercato



Panoramica

Il Copywriter si occupa di creare e curare la redazione dei testi di un messaggio pubblicitario.

La struttura di questo particolare testo si puó dividere in tre parti: la frase d’effetto, che apre la pubblicitá e cattura l’attenzione del lettore (headline), il testo esplicativo che illustra il prodotto (bodycopy), la frase conclusiva, spesso accoppiata al marchio del prodotto (pay-off), strategicamente concepita per rimanere nella mente del consumatore. Il Copywriter, per formulare e creare questo tipo di comunicazione, deve innanzi tutto approfondire le esigenze del cliente, capire le caratteristiche del prodotto o del servizio da promuovere, individuare il target cioè il pubblico a cui è rivolto il messaggio e i mezzi di diffusione al quale è vincolato: stampa, televisione, multimedia. Nel momento della creazione e della progettazione, lavora a stretto contatto con l’Art director, che nello specifico si occupa della parte visiva, ideando una presentazione di massima, che può essere un progetto grafico per la stampa, corredato da slogan (layout) e, nel caso di uno spot televisivo o cinematografico, delle immagini chiave appositamente illustrate (keyframe). In questa fase il Copywriter e l’Art director espongono in modo informale le idee, dapprima al Direttore creativo e all’Account  per perfezionarle ed infine al cliente. Un volta decisa la campagna pubblicitaria, si passa alla fase operativa, dove questa figura, insieme all’Art director, supervisiona e coordina il lavoro di tutto il personale addetto alla realizzazione della campagna o dello spot pubblicitario. Il compito di questi due creativi non si limita infatti alla fase progettuale, ma ne segue attivamente tutto il processo produttivo fino alla consegna del prodotto al cliente.

Competenze

Il Copywriter, oltre ad avere una buona capacità di scrittura e possedere una solida cultura di base, sempre attenta a cogliere le novità, le tendenze e i fermenti sociali, deve avere capacità di sintesi e invenzione verbale e saper giocare con i concetti e le parole. Egli deve inoltre conoscere • il valore simbolico del linguaggio, la semiotica e la semantica • le strategie di comunicazione d’impresa e le tecniche di comunicazione pubblicitaria • l’andamento del mercato e in particolare di quello dove opera. Egli deve inoltre essere in grado di comprendere il livello socio-culturale dell’interlocutore, sapendone calibrare il linguaggio, di conseguenza egli deve essere un ottimo osservatore della realtà che lo circonda, dei comportamenti collettivi ed individuali e delle loro trasformazioni, nonché possedere comunicativa, creatività, passione e determinazione.

Formazione e Carriera

Formazione

Per questa figura si ritiene necessaria una formazione universitaria di tipo umanistico, con studi attinenti alle tecniche pubblicitarie e alle scienze della comunicazione. Oltre ai corsi di laurea breve (vedi suhttp://offf.miur.it), esistono numerose scuole private per specializzarsi su questi temi dopo il diploma, ma nulla sostituisce l’esperienza diretta sul “campo”.

Carriera

Nel mondo della pubblicità si entra spesso attraverso contatti informali ed è piuttosto comune raggiungere anche in tempi relativamente brevi un buon livello di responsabilità, dopo aver ricoperto varie posizioni di livello inferiore.

Mercato

Situazione di Lavoro

Il Copywriter può operare sia come dipendente che come libero professionista. Il suo lavoro si svolge in coppia con l’Art director nel reparto creativo dell’azienda durante la fase di progettazione, mentre durante quella operativa, il luogo di lavoro si sposta sul set, in tipografia o nello studio fotografico, in modo da seguire il progetto fino alla sua consegna. In teoria il suo orario è di 8 ore al giorno per 5 giorni alla settima, ma può variare notevolmente a seconda dell’entità del lavoro e delle modalità di consegna. Se assunto come dipendente, il Copywriter percepisce un compenso base che parte dai 25-30 mila euro lordi annui fino ad arrivare ai 50-60 mila per un Copy senior. Questo compenso può variare notevolmente, in quanto spesso le aziende adottano sistemi di incentivazione salariale legati ai risultati. Il Copywriter come l’Art director sono responsabili del messaggio che diffondono e, nel caso quest’ultimo sia offensivo, sono soggetti all’intervento dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria detto “Gran Giurì” (vedi su www.iap.it), che ha il potere di oscurare la campagna e di pretenderne un’altra in linea con l’etica della professione e il rispetto del pubblico.

Tendenze Occupazionali

Nonostante il blocco subito nel 2000, il settore della pubblicità è di nuovo in crescita e, di conseguenza, le prospettive occupazionali sono incoraggianti. Tenuto conto del turnover, si può stimare che la richiesta annua di nuovi creativi sia nell’ordine di 150-200 persone. Le donne Copywriter sono quasi lo stesso numero degli uomini, anche se sono ancora poche le dirigenti e le libere professioniste.

Figure Professionali Prossime

Le figure vicine al Copywriter sono tutte quelle che fanno della scrittura uno strumento di comunicazione e di informazione come ad esempio il Giornalista.