esperto in formazione del personale



Panoramica
Formazione e Carriera
Mercato



Panoramica

Quest’Esperto è un Progettista di formazione (vedi anche Scheda 10 in Opuscolo C-6 “Educazione e Formazione”), che svolge i suoi compiti all’interno di un’azienda e, attraverso l’addestramento e la formazione, contribuisce a fornire, conservare o migliorare la professionalità dei lavoratori.

Semplificando, questa figura svolge, seguendo grossomodo questo ordine, una serie di compiti:

  • pianifica gli interventi di formazione in azienda, attraverso l’analisi dei fabbisogni formativi, sia organizzativi che individuali;
  • sceglie le modalità e le metodologie di intervento più adatte direttamente in aula, o utilizzando ad esempio la formazione a distanza (e-learning);
  • reperisce i fondi per il finanziamento delle attività progettate;
  • cerca gli esperti da coinvolgere nelle iniziative di formazione;
  • procede alla formulazione dei contenuti delle varie fasi (o “moduli”) del/degli interventi formativi;
  • svolge attività di docenza in prima persona, su tematiche in merito alle quali lui stesso possiede competenze tecnico/professionali specifiche;
  • verifica infine l’efficacia degli interventi di formazione, attraverso l’analisi dei risultati della formazione stessa, sia a livello individuale che collettivo.

Competenze

L’Esperto in Formazione del Personale deve conoscere la strategia e gli obiettivi aziendali per stabilire i piani e i programmi formativi. Deve essere a conoscenza, quindi, del funzionamento dell’organizzazione, per individuare tutti gli ambiti interessati dal suo intervento. Per poter strutturare in modo efficace le attività formagestione tive deve conoscere, naturalmente, gli andamenti del mercato del lavoro e della formazione.

Con riferimento alle competenze tecnico-professionali, l’Esperto in Formazione del Personale deve avere profonda conoscenza delle funzioni degli organi regionali, nazionali ed europei preposti alla gestione della formazione. Deve conoscere, rilevandoli, analizzandoli e descrivendoli, i fabbisogni aziendali. Inoltre deve conoscere i metodi per la descrizione delle posizioni (o job description), per individuare e delineare i ruoli e le funzioni di tutto il personale da coinvolgere nella messa in opera dell’intervento. L’efficacia del progetto dipende dall’applicazione di tutte le regole da lui delineate; fondamentale risulta per l’Esperto in Formazione del Personale la conoscenza o almeno una discreta dimestichezza nelle discipline interessate nei processi di formazione: psicologia, pedagogia, metodologie didattiche, tecnologie dell’informazione, della comunicazione e della valutazione. Le competenze specifiche dell’Esperto in Formazione del Personale devono riguardare anche gli eventi formativi, secondo quello che si definisce blended learning, ovvero un approccio misto di formazione “in presenza” e di tecnologie avanzate (multimedialità, ipermedialità, varie modalità di didattica in rete, collaborative learning, teleconferenza). In caso di interventi individuali deve conoscere le metodologie specifiche del personal coaching. Inoltre, deve conoscere i sistemi di qualità applicabili alla formazione: metodologie, tecniche e strumenti per il controllo qualitativo delle attività formative (norme Iso).

Le competenze di base dell’Esperto in Formazione del Personale riguardano la padronanza delle norme e della legislazione del lavoro. Inoltre, la proprietà di linguaggio scritto e la chiarezza espressiva sono requisiti fondamentali. Deve possedere una buona padronanza e conoscenza della lingua inglese e saper utilizzare computer, strumenti multimediali e telematici. Questa Figura deve avere dimestichezza con le risorse culturali e le possibilità didattiche sviluppate dal web.

Dal punto di vista delle competenze trasversali, è necessario che l’Esperto in Formazione del Personale sia dotato di praticità e concretezza, doti essenziali per trasformare le idee e le indicazioni in progetti. Deve avere spiccate attitudini all’organizzazione, all’ascolto e alla comunicazione interpersonale e alla gestione delle dinamiche interpersonali o di gruppo. E’ importante che sappia condurre interviste individuali e collettive per raccogliere le informazioni utili alla definizione del progetto. L’Esperto in Formazione del Personale dovrebbe avere anche un atteggiamento aperto e disponibile.

Formazione e Carriera

Formazione

L’Esperto in formazione del personale è in genere un laureato, che può provenire da diversi percorsi formativi. Le lauree propedeutiche a svolgere questa professione sono quelle in discipline socio-psicologiche, in scienze dell’educazione e della formazione, generalmente di 1° livello, in educazione degli adulti e della formazione continua, in programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi, entrambe di 2° livello (vedi sedi e corsi su http://offf.miur.it). Se proviene da altre discipline, è fondamentale seguire dei corsi di formazione, per apprendere le metodologie di progettazione degli interventi formativi e, soprattutto, sviluppare esperienza in merito. L’Associazione Italiana Formatori (AIF - www.aifonline.it ) rilascia una certificazione per il ruolo di Progettista di formazione, valida anche per abilitare questa figura professionale.

Mercato

Situazione di Lavoro

L’Esperto in Formazione del Personale può essere impiegato negli uffici del personale di aziende di dimensioni medio-grandi, in società di consulenza alle imprese, oppure può operare come libero professionista. Il rapporto di lavoro di questa Figura professionale può essere quindi di tipo dipendente a tempo indeterminato o di collaborazione.

Il livello di inquadramento contrattuale dipende dall’esperienza maturata, ma in genere un giovane Esperto è inquadrato a livello impiegatizio. Qualora operi con un contratto di dipendente, l’Esperto in Formazione del Personale è sotto le direttive del responsabile del personale e collabora con le altre Figure professionali operanti nell’area della gestione del personale. L’Esperto in Formazione del Personale interagisce con tutti i dipendenti e manager interessati dal suo intervento. Inoltre ha contatti e si coordina anche con persone e figure appartenenti ad enti pubblici e privati, amministrazioni ed altre organizzazioni esterne all’azienda.

L’Esperto in Formazione del Personale ha un suo ufficio ma utilizza anche altri spazi e strutture dell’azienda per la messa in pratica delle azioni formative interne (aule, laboratori, ecc.). Per il suo lavoro si serve di un computer dotato dei più comuni applicativi informatici, della strumentazione utile alla didattica, dei dispositivi telematici e di tutti gli attrezzi, macchine, dispositivi, ecc. necessari alle attività di formazione.

Come libero professionista, l’Esperto in Formazione del Personale ha dei ritmi di lavoro flessibili che dipendono dalle scadenze di presentazione dei progetti, dalla loro realizzazione o, in caso di interventi individuali, dalle richieste del committente. Nel caso non sia un dipendente, non è obbligato ad orari di ufficio. Ha un orario fisso solo non nel caso in cui debba effettuare interventi di docenza, ma deve dare in compenso la massima disponibilità nei momenti di lavoro intenso, soprattutto in coincidenza con l’inizio dello svolgimento delle attività formative.

La retribuzione di questa Figura dipende fondamentalmente dal tipo di inquadramento contrattuale e, se lavora come dipendente, dal contratto nazionale del settore in cui è inserito.

In media, la retribuzione annua lorda di un impiegato dipendente in questo ruolo può andare dai 25 mila euro fino a oltre 32 mila euro, mentre, a livello di quadro, il campo di variazione, sempre in termini lordi annui, può andare dai 43 mila ai 53 mila euro. Queste cifre non comprendono i premi o superminimi individuali, le cui entità, che possono aumentare notevolmente i compensi, variano in base al tipo dei progetti.

Nel caso in cui l’Esperto in Formazione del Personale eserciti l’attività come libero professionista, il compenso può variare molto, con importi unitari onnicomprensivi stabiliti in base alla complessità dell’intervento richiesto. In questo caso, molto dipende dalla contrattazione individuale, dall’esperienza più o meno consolidata, dall’andamento del mercato e dal fatto che si tratti di un intervento individuale o collettivo. Si può stimare che per un professionista affermato che eserciti l’attività a tempo pieno nel corso dell’anno, il reddito lordo annuo parta da non meno di 35 mila euro fino ad un massimo di 50 mila e oltre.

Tendenze Occupazionali

La formazione è una delle attività relative alla gestione del personale, su cui è stata posta molta attenzione, sia da parte delle singole imprese, sia a livello delle politiche nazionali e internazionali. L’obiettivo generale, sostenuto anche dall’Unione Europea, è quello di sviluppare e consolidare l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita. Anche se le percentuali di lavoratori che usufruiscono dei corsi di aggiornamento o di formazione sono ancora molto basse, con il sostegno delle politiche formative comunitarie, nazionali e regionali, ci si attende un incremento delle possibilità di formazione aziendale, soprattutto all’interno delle amministrazioni pubbliche, che dovrebbero determinare nel futuro buone opportunità di lavoro per gli Esperti in formazione del personale, un tempo quasi esclusivamente uomini.

Oggi la situazione è profondamente cambiata e si assiste ad un costante aumento di donne in questo ruolo.